Nasce GrowItup, acceleratore collaborativo per le startup italiane

Contribuire concretamente all’accelerazione digitale delle startup in Italia, non solo per quelle che lavorano nel campo della Information Technology: è questo il concetto forte alla base di GrowItup, un progetto presentato pochi giorni fa a Milano dalla fondazione Cariplo e da Microsoft Italia.

Il progetto mira a creare 10mila nuovi posti di lavoro grazie a un investimento di 10 milioni di euro (in tre anni) destinati alla creazione e al potenziamento di un vero e proprio network collaborativo che coinvolgerà start up promettenti, realtà produttive storiche italiane e studenti che si formano nelle business school.

Come funzionerà concretamente GrowItUp? Sono stati selezionati sette settori di business che rappresentano in qualche modo il meglio del made in Italy: cibo, moda&design, energia, manifattura, servizi finanziari, turismo, salute&benessere. Le start up che saranno selezionate per entrare a far parte del progetto saranno quelle che si dimostreranno più pronte a portare il digitale in questi settori, interfacciandosi con le grandi imprese. La crescita “parallela” di startup e imprese avverrà anche tramite attività di formazione, sia virtuale che in loco.

È già pronto un team di esperti che seguiranno il programma: saranno guidati dall’ex direttore dell’innovazione di Microsoft Italia Anders Nilsson e dall’ex responsabile delle partnership di Skype Enrico Noseda.

“Vogliamo contribuire a creare un ambiente fertile sia per le giovani startup, affinché accrescano la loro sostenibilità anche attingendo a finanziamenti più significativi per la loro crescita internazionale, sia per le grandi aziende del nostro Paese, affinché possano beneficiare della creatività delle migliore imprese innovative, capaci di reinterpretare modelli di business e segmenti di mercato”, ha spiegato Carlo Purassanta, CEO di Microsoft Italia.

Per maggior informazioni sul programma è attivo il portale dedicato: clicca qui per accedervi.

GrowItup

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *