Microsoft entra a far parte della Linux Foundation, Google aderisce alla .NET Foundation

Giornata di annunci importanti, quella di mercoledì 16 novembre: Microsoft, infatti, ha comunicato durante il suo evento Connect(); 2016 di aver aderito alla Linux Foundation, organizzazione no-profit che sostiene lo sviluppo del kernel Linux, per collaborare in maniera attiva alla community open source.

L’azienda guidata da Satya Nadella è entrata a far parte della fondazione in qualità di Platinum member e verserà una quota annuale di 500mila dollari.

Oltre all’ingresso di Microsoft nella Linux Foundation, è stata annunciata nella stessa conferenza anche la partecipazione di Google alla .NET Foundation, un’altra organizzazione fondata nel 2014 che si sta occupando di rendere open source la piattaforma .NET. Un altro annuncio significativo, quindi, che passa però quasi in secondo piano rispetto al primo, viste le posizioni decisamente intransigenti che Microsoft aveva assunto nei confronti del kernel ideato da Linus Torvalds fino a una decina di anni fa.

“Vogliamo aiutare gli sviluppatori a lavorare meglio, sfruttando l’evoluzione del settore che si sta orientando sempre di più verso il cloud e l’esperienza mobile-first, facendogli utilizzare gli strumenti e le piattaforme che preferiscono”, ha dichiarato Scott Guthrie, vice presidente esecutivo di Microsoft.

Jim Zemlin, direttore esecutivo della Linux Foundation, ha aggiunto che “Microsoft è stata una collaboratrice fondamentale per molti progetti, e stiamo vedendo che la società sta intensificando i propri sforzi allo sviluppo open”. Questo è sempre più chiaro e contribuisce ad aumentare la curiosità riguardo le prossime mosse dell’azienda di Redmond nel campo open source.

Per maggiori informazioni sulle altre novità annunciate nel corso di Connect(); 2016 è possibile leggere la notizia in questa pagina del blog ufficiale di Microsoft.

Micorosft ha aderito alla Linux Foundation

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *